martedì 11 novembre 2014

Tre racconti - Gustave Flaubert

Dopo aver letto e apprezzato Madame Bovary, avevo voglia di leggere un altro Flaubert. L'unico che avevo in casa era questo volumetto che racchiude tre racconti dell'autore: Un cuore semplice, La leggenda di san Giuliano l'Ospitaliere e Erodiade
L'introduzione di Alessandro Baricco ne cantava le lodi, soprattutto del primo di questi racconti del quale scrive: "... le poche pagine di Un cuore semplice rappresentano una sorta di manualetto dove imparare, velocemente, tutti i trucchi del mestiere: sono, per lo scrivere letterario, quel che certe fughe di Bach sono per il linguaggio musicale: la fondazione di un codice, disciolto nella bellezza".
Forte della precedente esperienza di lettura dell'autore e fiduciosa nel giudizio di Baricco, che trovo piuttosto antipatico, ma di cui riconosco l'intelligenza, mi sono avvicinata a questi racconti pronta a gustarne la bellezza e a trarne qualche insegnamento letterario.
Risultato: niente. 
Partiamo dalla fine. Erodiade: non l'ho proprio capito e non ci ho visto niente di bello.
La leggenda di san Giuliano l'Ospitaliere: una bella storia classica sulle orme di Edipo, ... ma che noia questa narrazione!
Un cuore semplice: senza dubbio il migliore dei tre, questo Baricco te lo concedo, ma che questo sia una Madame Bovary  in scala ridotta, no, no, e poi no! Un buon esercizio di scrittura per l'autore e di letteura per noi, ma assolutamente non sostituibile con il romanzo giustamente più rinomato di Flaubert.

Nessun commento:

Posta un commento

e tu cosa ne pensi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...