martedì 22 aprile 2014

DIRE FARE BACIARE - Claudia De Lillo alias Elasti

"Vorrei una figlia femmina per insegnarle che la civetteria può essere divertente, se non si esagera, e che ci si può anche mettere un po' di rossetto ogni tanto avendo ben chiari i confini rigidi del senso del ridicolo e del buon gusto.
Vorrei avere una figlia femmina per insegnarle che fregarsene ogni tanto, dei capelli a carciofo, dei peli che, maledetti, ricrescono sempre, di un brufolo sul naso, è una pratica liberatoria e sana.
Vorrei avere una figlia femmina per insegnarle a piacersi, indipendetemente dalla taglia di reggiseno, dalla forma dei fianchi, dal colore degli occhi e dei capelli.
Vorrei avere una figlia femmina per imparare insieme l'equilibrio e l'autoironia che aiutano a non perdere i pezzi e a non romperti, anche quando nello specchio non ti riconosci."

Io di figlie femmine ne ho due (più un maschio, ma questo è un altro discorso, e un altro mondo, per quel che ci riguarda) e spero di riuscire a insegnare loro tutte queste cose, e molte altre.
Claudia De Lillo alias Elasti, circondata da una famiglia tutta al maschile, è riuscita a scrivere un libricino delizioso: simpatico, divertente, toccante e coinvolgente, per le figlie femmine, ma anche per le loro mamme.
L'ha fatto mettendo in gioco se stessa, andando a ripescare i suoi ricordi, la sua se stessa piccola, e incontrando tante ragazzine di oggi e parlando con loro, ascoltando la loro musica, visitando le loro stanze.
Molte figlie, di ieri e di oggi, si riconosceranno in questi ritratti e quelle di oggi troveranno validi suggerimenti che avranno più probabilità di essere accolti in quanto non piovono loro sulla testa dalla bocca materna, ma sono regalati tra un sorriso e l'altro da una ragazza simpatica che potrebbe essere vista come una zia o una sorella maggiore. 
E quindi, mamme, regalate questo libro alle vostre figlie, nipoti, figliocce, e farete un regalo ad entrambe. 
Vi aiuterà a superare l'imbarazzo o la difficoltà di affrontare certi argomenti - il corpo che cambia, il sesso, il bullismo, la violenza - e vi sbellicherete dalle risate con i dialoghi madre-figlia degli "intermezzi".
Ho avuto la fortuna di partecipare alla presentazione del libro a Milano: l'interpretazione dei dialoghetti da parte di Claudia e di Irene Beranrdini è stata a dir poco esilarante. Un assaggio:

"Ora smettila. C'è qualcosa che non va? Hai fame, forse? Vuoi che ci facciamo una pasta?"
"Facile risolvere tutto ingozzandosi di cibo. No, grazie, non voglio la pasta: fa ingrassare. Ma tanto a te non importa niente se divento ciccionissima."
"Allora ti preparo una bella insalata."
"Guarda che non sono a dieta. Le mamme fissate con l'alimentazione delle figlie le fanno diventare anoressiche, me lo ha detto Irma."
"Senti, non ne voglio sapere niente. Mangia quello che ti pare e lasciami leggere il giornale."
"A te, di me, non importa nulla. (...)"

Tutte le citazione sono tratte da: Claudia De Lillo alias Elasti, DIRE FARE BACIARE, Feltrinelli, Milano 2014.

2 commenti:

e tu cosa ne pensi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...